Columbus 40 Crossover
//

Columbus Crossover 40: in costruzione altri due esemplari del modello disegnato da Sergio Cutolo

4 mins read

Columbus Crossover 40, altri due superyachts in costruzione.

Il successo di Palumbo Superyachts è conclamato, tanto da aver saturato la capacità produttiva del cantiere di Ancona che, attualmente, ha ben 11 imbarcazioni in costruzione, fra i 24 e i 67 metri. Ma questo non ferma Columbus Yachts che rilancia e mette altri due Crossover 40 in costruzione sfruttando il potenziale del neoacquisito cantiere Mondomarine di Savona. Il primo superyacht è già in costruzione e sarà consegnato a primavera 2024, mentre la costruzione della seconda imbarcazione partirà a fine anno.

L’attuale situazione di mercato ed il portafoglio ordini ci garantiscono stabilità e solidità. Abbiamo già un ISA 80 metri in costruzione in autofinanziamento, presso la nostra sede di Napoli ma siamo anche in grado di mettere in produzione un nuovo 40 metri Columbus Crossover, che potrà essere consegnato nella primavera del 2024. Savona è il luogo ideale potendo attingere a maestranze qualificate che si affiancheranno ad un nuovo team manageriale dedicato alla costruzione di nuove imbarcazioni – commenta Giuseppe Palumbo, Amministratore Unico di Palumbo Superyachts e di Palumbo SY Refit.

Columbus 40 Crossover latoIl Columbus Crossover 40, disegnato da Sergio Cutolo, patron di Hydro Tech, è caratterizzato dalla sua capacità di ospitare tender di dimensioni fino a 8 metri di lunghezza e 2,5 tonnellate di peso su uno yacht compatto, che diventa il centro di tutte le attività della vacanza. Lo scafo è dislocante, con prua a bulbo e sezioni poppiere piatte ed avviate; la costruzione è in acciaio con sovrastrutture in lega leggera

Columbus 40 Crossover piscinaLe linee esterne sono moderne e le superfici risultano tese e angolate. I volumi si concentrano nella zona prodiera, come negli altri yacht della stessa linea, ma sono stati accentuati per lasciare spazio ai tender.

Gli interni moderni dal tema dell’esplorazione sono stati curati da Francesco Guida.

Lo yacht è dotato di una gru a scomparsa nella zona a poppa dell’upper deck per movimentare il tender, normalmente trainato.

A poppa troviamo una piscina con copertura scorrevole automatica e le falchette laterali possono essere abbattute per creare una grande area beach club. Il sun deck è adibito a tutte le aree sociali: una zona prendisole, un’area relax con un divano e sotto all’hard top è situata la zona pranzo/cocktail esterna con un bar a dritta e un tavolo da pranzo a sinistra. Sopra all’hard top è situata una particolare zona panoramica dove è possibile avere una vista a 360 gradi.

Troviamo inoltre il salone principale e la sky lounge, adibita a zona pranzo e cena formale. Quest’ultima, situata nell’upper deck, si sviluppa a tutta larghezza e si apre a murata per creare una loggia a sbalzo sul mare.

salone principaleA prua troviamo la suite armatoriale, mentre le quattro cabine ospiti sono posizionate sottocoperta nella zona centrale dello scafo. La zona dell’equipaggio è collegata alla sala macchine da una galleria collocata nel doppio fondo, dove troviamo anche i passaggi delle linee principali degli impianti e che consente l’ispezione degli apparati e dei serbatoi combustibile.

Il Crossover 40 è equipaggiato con due motori Caterpillar C 32 da 970 kW l’uno che garantiscono una velocità massima superiore ai 14,5 nodi e i serbatoi da circa 60 metri cubi permettono un’autonomia alla velocità economica di crociera di oltre 4000 miglia. Inoltre sono presenti due dissalatori che forniscono circa 8,6 metri cubi di acqua dolce al giorno per una capienza massima di circa 10 metri cubi. Il superyacht è dotato di due coppie di stabilizzori capaci di funzionare sia in navigazione che da fermi.

This article is also available in: English Español Русский