///

Naumatec E-Tender 460, il lusso di possedere un tender elettrico

Naumatec E-tender 460: Prova al salone di Venezia

Optare oggi per un Tender a propulsione elettrica? E’ una domanda che gli armatori iniziano a porsi, segno che questa nuova tecnologia è percepita come matura e sta prendendo velocemente piede.

Al Salone Nautico di Venezia, abbiamo voluto provare il Naumatec E-tender 460, un tender di lusso che viene proposto nella versione a propulsione elettrica. Abbiamo scoperto che, oltre a chiari vantaggi inerenti all’aspetto green di questa tecnologia, come poter accedere alle aree protette ed interdette ai motori convenzionali, offre anche molti altri risvolti positivi.

Il Naumatec E-Tender 460

Il Naumatec E-tender è un tender di lusso con consolle di guida centrale. Viene proposto con il ponte in teak, ha ottime rifiniture e un design molto curato. Può ospitare due persone sedute dietro alla consolle e quattro persone a prua, divise tra la seduta a ferro di cavallo e il sedile adiacente alla struttura centrale.

Sotto l’aspetto della distribuzione degli spazi notiamo subito un primo vantaggio, che ben lega una motorizzazione elettrica ad un tender di lusso: il motore entrobordo. Su questo tender  la propulsione elettrica facilita le cose, l’ingombro è minimo poiché , a differenza di un motore a combustibile fossile, non necessita di camere di scoppio e del sistema di trasmissione.

Infatti il  motore da 30 kw (firmato Huracan) che spinge l’E-tender, è di piccole dimensioni e prende posto direttamente nel piede del motore.

Naumatec-E-tender-460-test-768x513

Questa soluzione determina alcuni vantaggi. Il motore rimane nascosto e non necessita di un gavone di alloggio, cosa che mantiene pulite le la linee del battello e libera spazio nel gavone di poppa. Inoltre, viste le dimensioni ridotte, non appesantisce la parte poppiera del tender.

Un’altro aspetto da non sottovalutare è che imbarcando questo tender si esclude  lo stoccaggio di un materiale infiammabile, come la benzina, a bordo di imbarcazioni normalmente, alimentate a diesel.

La batteria da 13,8 Kw a 230 V che alimenta il motore ha un ciclo di vita di 3000 ricariche e prende posto sotto alla consolle di guida. Per ricaricarsi, la batteria, dispone di due sistemi di carica: uno in monofase da 3 kw , ed uno rapido in trifase da 13 kw. Questo significa che la batteria potrà essere caricata anche in poco più di un’ora.

La prova

Abbiamo testato il Naumatec E-tender durante il salone di Venezia in una giornata di prove aperte al pubblico, per le quali era stato volutamente depotenziato dal produttore con una mappatura della centralina ad hoc. Motivi della scelta gli stringenti limiti di velocità nella laguna e la necessità di prendere la “mano” con una propulsione che eroga velocemente potenza e che non emette rumore.

Dopo aver provato il Naumatec E-tender, abbiamo capito che ad oggi un tender con propulsione elettrica è una credibile alternativa, anzi, a conti fatti forse superiore.

Certo, non lo è proprio per tutti, i costi di questa tecnologia rimangono ancora alti. Forse, proprio per questo motivo, questo battello potrebbe essere un must have per gli armatori di imbarcazioni di lusso che, con un oggetto desiderato, innovativo e green, vogliono distinguersi.

Naumatec-E-tender-460

This article is also available in: English