Ocean-Alexander-new-series
//

Ocean Alexander presenta tre nuove serie “leggendarie”

Ocean Alexander lancia 27E, 32L e 36L, i primi modelli delle nuove serie Explorer e Legend

Ocean-Alexander-27E-768x768Ocean Alexander cala il tris. Il celebre cantiere taiwanese, per voce del suo importatore americano Alexander Marine International, è lieto di annunciare tre grandi novità destinate a lasciare il segno al prossimo Fort Lauderdale International Boat Show, che si terrà in Florida verso la fine di ottobre. Si tratta del 27 Explorer, del 32 Legend e del 36 Legend, tre modelli inediti di superyacht che debutteranno al salone mondiale con le rispettive nuove linee Explorer e Legend. Il marchio Ocean Alexander, dunque, espande la propria collezione con queste tre serie mai viste prima. Ed è solo l’inizio.

Il 27E, primo esemplare della serie Explorer, si caratterizza per l’incredibile volume degli interni (l’enclosed flybridge gode di eccellente abitabilità), oltre che per l’ampia varietà di accessori e comfort che il layout esterno è in grado di offrire. Il pozzetto è davvero generoso e garantisce la possibilità all’armatore e ai suoi ospiti di usufruire di una zona lounge a cielo aperto.

Ma la rivoluzione (perché è proprio dalla fortunata serie Revolution che Ocean Alexander ha attinto alcune peculiarità innovative per dar vita al 27E) non finisce qui: a poppa si estende una grande beach area, dotata di aperture laterali e concepita per accogliere un tender, una moto d’acqua e tante altre attrezzature per sport acquatici.

New-Ocean-Alexander-27-E-768x432

La voglia di esplorare i mari più grandi del mondo trova la sua massima espressione in questo yacht pratico ed eclettico – osserva Dan Mundy, responsabile marketing, vendite e distribuzione di Ocean Alexander – La nostra attenzione viscerale verso le preferenze del cliente ci porta a realizzare prodotti custom di assoluto livello e il nuovo 27E ha un potenziale sconfinato di funzioni e optional, capace di rispettare le aspettative dell’armatore più esigente“.

Le tre nuove serie di Ocean Alexander puntano all’eccellenza mondiale

Il 32L inaugura la serie Legend e rappresenta uno dei modelli di punta di Ocean Alexander. Ispirato all’OC Alexander 100, famoso motoryacht realizzato nel 2014 del quale furono venduti ben venti unità in soli sei anni, il 32L mantiene le linee tradizionali della prua e della tuga ma le modernizza grazie alle finestrature ancora più ampie che permettono di far filtrare la luce naturale all’interno di un salone spazioso e confortevole. Anche la master suite è stata ottimizzata in nome del volume, che a bordo del 32L prende davvero il largo.

Il nuovo 32L è stato studiato con grande intensità poiché avevamo gli occhi di tutto il mondo della nautica su di noi – commenta Richard Allender, che supervisiona la progettazione, il design e la qualità dei prodotti Ocean Alexander – Abbiamo la sensazione di aver creato uno yacht che andrà oltre le aspettative e che raggiungerà un pubblico ancora più vasto, grazie al quale Ocean Alexander si confermerà come primo marchio di lusso nella nautica da diporto“.
Ocean-Alexander-32-L-768x508Infine il 36L, ancora tutto da scoprire, si propone di diventare l’ammiraglia di Ocean Alexander. Il primo modello, in realtà, sta già per essere consegnato, mentre il secondo esemplare farà il suo esordio assoluto in autunno al salone di Fort Lauderdale, mostrando a tutti la straordinaria ampiezza dei suoi tre ponti, la capienza delle sue cinque cabine, il lusso delle sue zone lounge e la duttilità della sua beach area.

Non possiamo che essere orgogliosi dei risultati ottenuti in oltre quattro decenni di costruzione  – sottolinea Richard Allender – In questo momento abbiamo raggiunto l’eccellenza nell’artigianato, nel reclutamento dei designer e degli architetti più talentuosi e nella scelta dei migliori fornitori. Progettiamo, innoviamo e mettiamo la nostra esperienza, che non è seconda a nessuno, al servizio del cliente. E siamo certi che queste tre nuove serie impressioneranno il pubblico internazionale”.

www.oceanalexander.com

This article is also available in: English