///

Sergio Cutolo: cosi nasce Vanguard, l’explorer perfetto

Intervista esclusiva a Sergio Cutolo, il creatore di Vanguard l'ultimo stadio evolutivo degli explorer yachts

Sergio Cutolo, designer di Vanguard e “padre spirituale” degli explorer yachts usa un concetto tanto semplice quanto importante per spiegare la filosofia che sta dietro al successo di questa categoria di imbarcazioni.

SERGIO CUTOLO VANGUARD“E’ un desiderio ancestrale quello che spinge l’uomo a navigare, ad esplorare e a spingersi oltre la linea dell’orizzonte. Un concetto innato che gli explorer yachts incarnano perfettamente.”

Sergio Cutolo, che di explorer ne ha disegnati così tanti da aver perso il conto (glielo ricordiamo noi, sono in tutto 83), svela in esclusiva per Superyachts il suo ennesimo capolavoro, che non solo è un tributo al 25esimo anniversario di Hydro Tec, il celeberrimo studio di architettura navale e design, ma rappresenta anche l’ultimo stadio evolutivo della categoria explorer perché introduce tutta una serie di concetti, estetici e funzionali, assolutamente rivoluzionari.

Il Vanguard di Sergio Cutolo

Vanguard Sergio CutoloStiamo parlando del Vanguard, 65 metri di pura bellezza ed innovazione. Un’imbarcazione che, oltrepassando il classico concetto di superyacht, incarna quell’istinto di esplorazione che, dall’alba dei tempi e fino ai giorni nostri, muove gli armatori più tecnici ed esigenti.

Sono tre i cardini che fanno del Vanguard un explorer assolutamente unico nel suo genere.

La prima caratteristica è rappresentata dall’essere un vero e proprio ecosistema autosufficiente. “Il Vanguard, che viaggia con propulsione ibrida, è un universo perfetto che può solcare gli oceani – spiega Sergio Cutolo – Ma questo explorer yacht non rappresenta solo un primato di tecnologia ma anche e soprattutto di bellezza: nel Vanguard la funzione s’intreccia perfettamente con il design”

Sergio CutoloCon Vanguard infatti si associa un incredibile capacità di carico ad un design sopraffino. Questo superyacht può portare con sé, nelle crociere intorno al mondo, una grandissima quantità di water toys, due tender di grandi dimensioni, un elipad dedicato ed un secondo disponibile ad atterraggi “touch-and-go realizzato sulla prua ” rendendo cosi l’imbarcazione totalmente libera dalla necessità di supporto.

Il beach club del Vanguard è il secondo tratto distintivo di questo progetto e, semplicemente, non ha paragoni. Si tratta di un grande spazio con piscina riscaldata, sauna e zona massaggio che non ha nulla da invidiare alle aree spa di superyachts di taglia decisamente maggiore. Si tratta di un area che può essere goduta sia nei climi caldi che in quelli temperati grazie alla sua capacità di trasformazione. La piscina può infatti all’occorrenza esser chiusa come anche l’intero beach club che, in navigazione, può essere chiuso con il sollevamento “a ponte levatoio” della piattaforma da bagno. Un grande vantaggio, anche in termini di sicurezza.

hydro tech vanguard explorer master cabinIl terzo elemento è lo sviluppo verticale dell’imbarcazione e dei suoi ponti che creano una serie di terrazze mobili, poste in corrispondenza delle cabine ospiti e ben sopra il piano di galleggiamento.
Anche la sala macchine viene riposizionata, in gran parte, nell’under-lower deck, occupando così uno spazio minimo nel lower deck che, grazie a questa inedita quanto geniale distribuzione dei livelli, si trasforma in un ponte interamente percorribile dalla plancia di poppa alla paratia anti collisione di prua, consentendo agli ospiti delle cabine l’accesso diretto alla spa e alla beach area.

Salendo sui ponti superiori, ognuna delle quattro vip cabin è dotata di terrazza che si apre direttamente sul mare attraverso una vetrata scorrevole panoramica.
La prua flush deck, bella da vedere e così estesa da non sembrare nemmeno quella di un explorer explorer, spesso caratterizzati da prue piuttosto corte, può prevedere tranquillamente un secondo helideck (l’altro è a poppavia). E poi ancora: suite amatoriale con grande studio e doppia terrazza, ufficio del comandante, skylounge con annessa zona cinema, mega salone, sala tv, palestra per l’equipaggio, lavanderia.

Insomma, a bordo del Vanguard non manca proprio nulla e la vita a bordo diventa un modo confortevole per stare al riparo in questi tempi di pandemia.

Vanguard è un explorer straordinariamente all’avanguardia. E risveglia la natura esploratrice insita in tutti noi.

This article is also available in: English